NEWS: Opzione D.Lgs 127/2015 – Comunicazione volontaria dei dati delle fatture emesse e ricevute

I soggetti privati titolari di partita IVA che hanno già optato o intendono optare per l’opzione quinquennale di cui agli artt.1 e 2 del D.Lgs 127/2015 in merito alla comunicazione volontaria dei dati di tutte le fatture registrate, possono avvalersi del nostro servizio di generazione dei dati delle fatture a partire dai registri IVA acquisti e vendite. Il servizio è in fase di sperimentazione e a breve sarà disponibile in via definitiva. Inoltre, saremo in grado di trasmettere direttamente i dati delle fatture attive e passive al SDI attraverso un canale accreditato.

Visto che anche il DL 193/2016 (convertito in  Legge 225/2016) prevede l’obbligo per tutte le partite IVA (con poche eccezioni) di trasmettere i dati di tutte le fatture attive e passive registrate (c.d. “spesometro infrannuale”), e visto che il sito gratuito “Fatture e Corrispettivi” dell’Agenzia delle Entrate permette di generare e trasmettere un solo file per volta, riteniamo che il servizio offerto rappresenti un’ottima opportunità tecnologica e operativa.

Le imprese ed i professionisti devono decidere a quale normativa aderire, tenendo presente che entrambe prevedono la trasmissione telematica dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute.

Pertanto, le possibilità sono due:

  1. l’articolo 4, comma 1 del D.L. 193/2016 dispone che: “In riferimento alle operazioni rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto effettuate, i soggetti passivi trasmettono telematicamente all’Agenzia delle Entrate, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre, i dati di tutte le fatture emesse nel trimestre di riferimento e di quelle ricevute e registrate ai sensi dell’articolo 25 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, ivi comprese le bollette doganali, nonché i dati delle relative variazioni. La comunicazione relativa all’ultimo trimestre è effettuata entro l’ultimo giorno del mese di febbraio“ (per l’anno 2017 è stata introdotta una deroga che prevede l’invio dei dati in forma semestrale);
  2. l’articolo 1 comma 3 del D.Lgs 127/2015 dispone che: “Con riferimento alle operazioni rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto effettuate dal 1° gennaio 2017, i soggetti passivi possono optare per la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati di tutte le fatture, emesse e ricevute e delle relative variazioni, effettuata anche mediante il Sistema di Interscambio di cui all’articolo 1, commi 211 e 212, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. L’opzione ha effetto dall’inizio dell’anno solare in cui è esercitata fino alla fine del quarto anno solare successivo e, se non revocata, si estende di quinquennio in quinquennio”.

Si ricorda che chi aderisce all’opzione prevista dal D.Lgs 127/2015 usufruisce dei seguenti vantaggi:

  • rimborsi IVA prioritari
  • riduzione dei termini di accertamento da 5 a 3 anni
  • esonero dalla presentazione del c.d. “spesometro infrannuale”
  • esonero dalla comunicazione relativa agli acquisti intracomunitari (mod. INTRASTAT)
  • esonero dall’obbligo di certificazione delle operazioni mediante scontrino o ricevuta fiscale (solo per i commercianti al minuto che aderiscono anche all’opzione di cui all’art.2 comma 1)

esonero dall’obbligo di annotazione dei corrispettivi (solo per i commercianti al minuto che aderiscono anche all’opzione di cui all’art.2 comma 1).

Siete invitati a valutare attentamente l’opportunità di aderire a tale opzione con il vostro Commercialista.

UA-30845888-1